La teologia mistica di Iacopone da Todi. Link alla presentazione del 17 marzo.

Siete invitati a partecipare alla presentazione online del libro "La teologia mistica di Iacopone da Todi" del nostro confratello fr. Alvaro Cacciotti. L'autore insegna Letteratura mistica medievale e Teologia spirituale sistematica nella Pontificia Università Antonianum (Roma) e presso la Pontificia Università Lateranense (Roma). Ha dedicato a Iacopone da Todi molti saggi. Si interessa in particolare dei rapporti tra teologia e

mistica (secc. XIII-XIV), con particolare riferimento alla produzione degli autori francescani.

La complessa figura di Iacopone da Todi (1230/1236-1306), nonostante gli indubbi progressi

registrati negli ultimi decenni dalla critica più attenta, rimane ancorata ad una recensione altalenante

favorita, ancora, da una incomprensione sulla natura del suo pronunciamento religioso-politico

contenuta nelle sue laudi. In possesso di una tecnica abilissima, il poeta di Todi, opera

coscientemente il rifiuto della lirica in voga e delle forme autoreferenziali nella relazione tra Dio e

l’uomo. Tale esasperante solipsismo è l’occasione per mettere in evidenza l’originalità della sua

operazione: far emergere il tratto irriducibile, innegoziabile, non dell’uomo in grado di lucrare

l’inconoscibile Dio, ma di quest’ultimo resosi “pellegrino penato” in una ossessiva, fine e reiterata

richiesta d’amore indirizzata proprio all’amato uomo.

L’unità della sua opera, autentica teologia mistica, espressione geniale della spiritualità francescana,

non si lascia scomporre in elementi poi addizionabili. La sua lirica non è mai teologia vestita di

belle forme, sintesi tra lirismo e dottrina, tra fervore mistico e poesia nel “dolce stil novo”, e

nemmeno semplice unione di pensiero, arte e natura. La finezza e la profondità della mistica di

Iacopone, radicata nello spirito europeo del suo tempo, sarà – nella sua compattezza concreta e

sferzante – punto di riferimento sopratutto per i grandi autori mistici che vorranno prendere

coscienza della scoperta, della conferma e dell’impegno a non praticare una via d’evasione

dall’urgente bisogno di vivere. Di vivere comprendendo e spiegando il desiderio e la passione,

l’amore trasformante e il dolore deformante, la vita e la morte.


Per partecipare alla presentazione che ci sarà mercoledì 17 marzo p.v. clicca QUI

Notizie recenti
Archivio
Tags
In Evidenza