La festa di San Bernardino a L'Aquila. Tutti gli eventi.



“In Iesu nomine omnia antiqua nova facta sunt”

Questa citazione degli scritti di San Bernardino campeggia in una delle tabelle poste sotto le cantorie della cupola nella Basilica Aquilana dedicata al Santo senese di cui, in questi giorni, si è celebrata la festa. In questo tempo così delicato in cui un rinnovamento è necessario, si conferma l’attualità dell’affermazione, prima citata, del Santo: è necessario iniziare questo cammino proprio nel nome di Gesù, a contatto con la persona di Gesù, con la Sua umanità! In questa luce la fraternità dei Frati Minori di San Bernardino a L’Aquila ha dato inizio ai festeggiamenti in onore del Santo, organizzando un ricco programma civile e religioso.



Il 19 Maggio, ai primi Vespri della festa, nella Basilica di San Bernardino alle ore 17:00 è stato consegnato un riconoscimento ad alcuni interpreti della comunicazione, del giornalismo e della stampa. Una commissione istituita ad hoc dal rettore Fr. Daniele di Sipio e presieduta dal ministro Provinciale Fr. Massimo Fusarelli ha consegnato a Walter Capezzali, Bruno Fasani, Biagio Oppi, Mario Narducci, Duilio Chilante, Lorena Bianchetti e Giovanni Scifoni un simbolico Trigramma Bernardiniano realizzato, con l'antica tecnica dei ceramisti di San Bernardino, dall’artista Stella Lucente come segno di stima e apprezzamento per il loro lavoro e impegno nell’ambito della comunicazione.


Dopo questo momento intenso e bello di ascolto e testimonianza, il Vescovo di Grosseto, S.E. Mons Rodolfo Cetoloni ha presieduto la Santa Eucarestia dove al termine della quale è stata riaperta alla venerazione dei fedeli l’urna contenente il corpo del santo. Un momento intenso e significativo di preghiera, ricco di gioia e desiderio di vita: la comunità dei fedeli, riunita nella meravigliosa Basilica, ha potuto finalmente celebrare di nuovo la memoria del Santo.


Il 20 Maggio, solennità di San Bernardino, alle ore 11:00 l’ Arcivescovo Metropolita de L’Aquila S.E. Card. Giuseppe Petrocchi ha presieduto l’Eucaristia in Basilica, concelebrando con S.E. Mons. Cetoloni e S.E. Mons. Antonini, Nunzio Apostolico, e numerosi confratelli e sacerdoti diocesani oltre alle autorità civili. Durante la celebrazione Eucaristica, molto sentita e partecipata dal popolo di Dio, la comunità tutta ha vissuto il celebre gesto del dono dell’olio per la lampada votiva. Quest’anno l’olio è stato donato dal IX reggimento Alpini de L’Aquila. Il Comandante del reggimento, Gianmarco Laurencig, accompagnato da due alpini ha portato all’altare il bellissimo vaso di rame, istoriato con il Nome di Gesù, contenente l’olio e dopo aver ricevuto la benedizione del Cardinale, ha acceso la lampada votiva. Un segno bello per la città de L’Aquila, una lampada sempre ardente per aiutare i fedeli tutti a custodire nel cuore l’insegnamento di pace e di amore in Cristo, di cui San Bernardino è apostolo.



Il pomeriggio alle ore 17:00 il Rettore, P. Daniele, ha accolto presso il Mausoleo del Santo una delegazione dei sindaci delle città vicine dove San Bernardino nel 1444 passò nel suo cammino prima di arrivare, e poi morire, a L’Aquila. La successiva Santa Messa presieduta dal Ministro Provinciale dei Frati Minori di Abruzzo e Lazio Massimo Fusarelli ha visto la partecipazione di numerosi fedeli e ha coronato con solennità la conclusione della festa. Fr. Massimo ha ricordato San Bernardino come “uno dei grandi umanisti del ‘400 italiano: egli ne ha accolto il senso, l’anima e l’ha tradotta nel suo annuncio, nel contatto con il popolo in tante città italiane e nella sua interpretazione della fede cristiana.”



A conclusione della celebrazione, Fr. Massimo ha benedetto la città de L’Aquila e le città rappresentate dai Sindaci con l’Insigne reliquia di San Bernardino, augurando a tutti i cittadini pace e gioia nel Nome di Gesù. La comunità aquilana, che ha celebrato il suo compatrono, ha vissuto due giorni intensi di spiritualità e umanità vera, in un tempo segnato da paura, tristezza e angoscia questi festeggiamenti, vissuti nel rispetto di tutte le norme, hanno donato un segno di speranza e rinascita, di festa e di gioia…nel nome di Gesù!






Notizie recenti
Archivio
Tags